Come se tu fossi femmina MonfredaCome se tu non fossi femmina. Appunti per crescere una figlia. Il libro di Annalisa Monfreda, giornalista, direttrice dei settimanali Donna Moderna e Starbene, mi ha conquistata fin dal titolo. E so bene perché. Anch’io sono stata cresciuta come se non fossi stata femmina. Ne ho sempre avuto consapevolezza. Ho sempre avuto ben presente la differenza fra me e le altre bambine, fra me e le altre ragazze. Di questo, che è stato un indiscutibile vantaggio nelle mie scelte di vita, devo ringraziare mio padre, femminista involontario, come quello di Annalisa.
Come se tu fossi femmina MonfredaCome se tu non fossi femmina. Appunti per crescere una figlia. Il libro di Annalisa Monfreda, giornalista, direttrice dei settimanali Donna Moderna e Starbene, mi ha conquistata fin dal titolo. E so bene perché. Anch’io sono stata cresciuta come se non fossi stata femmina. Ne ho sempre avuto consapevolezza. Ho sempre avuto ben presente la differenza fra me e le altre bambine, fra me e le altre ragazze. Di questo, che è stato un indiscutibile vantaggio nelle mie scelte di vita, devo ringraziare mio padre, femminista involontario, come quello di Annalisa.
Annunciato da un titolo che fa centro, oltre la copertina c’è un libro emozionante, che ogni mamma dovrebbe leggere. Non solo le madri delle bambine.
È il racconto di una vacanza in Croazia a tre: mamma e due figlie di 9 e 6 anni. Il diario di un viaggio che l’autrice ha realmente fatto un anno fa. Diario che diventa riflessione profonda sull’educazione, da cui scaturiscono 50 lezioni, disseminate dalla prima all’ultima pagina e dedicate a chi vuole crescere future donne forti e, soprattutto, felici. Si comincia con “Non perdete mai la strada del desiderio”, si finisce con “Il modo migliore di combattere gli stereotipi è non permettere loro di condizionare la tua vita”. In mezzo tante altre lezioni da appuntarsi e metabolizzare nello svolgimento del mestiere di mamma.
Ho letto il libro d’un fiato, come fosse un romanzo, e ho fatto “le orecchie” a più di una pagina per ritrovare subito le lezioni che mi hanno toccato di più. Ve ne racconto solo alcune, universali, da tenere a mente anche se si hanno figli maschi (come almeno un terzo delle 50 lezioni).
 “Essere nate femmine non è un fardello e neppure un privilegio. Ci sono state donne che hanno lottato perché oggi voi possiate credere con naturalezza che ogni cosa vi è possibile”.  Mi sembra che esprima perfettamente il senso più profondo dell’idea di parità fra uomini e donne: né fardello, né privilegio.
“Quando uno strumento che possedete inizia a possedervi ve ne accorgete dal fatto che vi priva di qualcosa di decisamente più bello, più importante, la sua presenza assottiglia le vostre relazioni sociali, vi impedisce di conoscere davvero chi vi sta attorno, vi distrae da voi stesse e dagli altri”. Il riferimento è allo smartphone, amico-nemico dei nostri figli e di noi stessi, perché se non usato con criterio e con il senso del limite, ci ruba tempo prezioso per gli altri e per noi. Sembra un aspetto secondario nell’educazione, ma non lo è. La dipendenza da tecnologie e social sta facendo parecchi danni ed è importante correre ai ripari.
“La diversità può divenire una gabbia tanto quanto l’omologazione”. Per ricordarci che spingere i nostri figli a essere speciali a tutti i costi (niente canzonette, solo musica “alta”, niente videogiochi e tv, solo corsi di coding e teatro, ecc…), è molto rischioso. Il pericolo è che si trovino confinati in un mondo tutto loro che non sa incrociarsi con quello degli altri. Ma nella solitudine non c’è felicità.

Sabrina
Come se tu non fossi femmina
Di Annalisa Monfreda
Mondadori, 2018
16 euro

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Cerca nel sito

Archivio: saggi e manuali

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook