Gnam: assaggio di contemporaneo alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna (Gnam)

foto Gnam
I versi dell’Amleto di Shakespeare “The time is out of joint” impressi sulla scalinata della Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma lagallerianazionale, a due passi da villa Borghese, ci introducono al mondo contemporaneo ricordandoci l’elasticità del concetto di tempo, un tempo disarticolato e non lineare, come non lineare e privo di criterio cronologico è il nuovo allestimento della Gnam. Quanto accadde in tema d'arte tra Ottocento, Novecento e fino a oggi è completamente rimescolato: le opere decontestualizzate dialogano tra loro in un ricco gioco di stimoli visivi.
 
Canova e Pascali, Burri e Fattori, Klimt, Duchamp e Cézanne, Van Gogh e Monet, Moore e Giacometti, Pistoletto, Fontana, Pollock e Calder sono alcuni tra i capolavori che popolano la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, fondata nel 1883 con l’obiettivo di creare uno spazio dedicato agli artisti contemporanei che avesse respiro nazionale.

Foto del Gnam
Se in prima battuta vedere statue accostate a tele e oggetti molto recenti potrebbe disorientare, non si dimentichi che il contemporaneo ci ha insegnato ormai da tanto che l’arte è libertà: Duchamp capofila con il suo orinatoio. 
Così accade che l’Ercole e Lica di Canova si riflette nelle bacinelle d’acqua colorata di Pino Pascali. Il maestro del Neoclassicismo, capace di rendere nel marmo il palpito della vera carne, dialoga con un esponente dell’arte povera che coniuga in modo creativo forme primarie della cultura e della natura mediterranee, come il mare.

Nell’altro grande salone del pianterreno la guerra e le sue lacerazioni si materializzano nelle forme astratte di Burri, vengono descritte nella pittura figurativa di Cammarano e di Fattori e prendono vita in un video contemporaneo.
Nel Grande Rosso P. N. 18 Burri parla con estrema eloquenza dell’uomo contemporaneo lacerato dalla guerra, utilizzando un drappeggio rosso lavorato con la fiamma ossidrica e modellato manualmente su cui si apre uno squarcio nero. 
Al piano superiore si prosegue con una sala dove sono riuniti gli artisti che hanno contribuito a rivoluzionare il modo di concepire l’opera d’arte: Cézanne, Klimt e Duchamp.

Il primo, considerato padre del Cubismo, con i suoi tratti rapidi e feroci indaga costantemente le forme degli oggetti e del paesaggio che lo circondano, imprimendo con forza l’immagine del mondo elaborata nella sua mente.

Gnam RomaDuchamp mette a punto il ready-made, oggetto usuale decontestualizzato e promosso a oggetto d’arte per scelta dell’artista come la ruota di bicicletta.  Klimt, principale esponente della Secessione Viennese, nelle Tre età esprime il suo stile inconfondibile, caratterizzato da una forte bidimensionalità e da un’inesauribile ricchezza decorativa, in un continuo passaggio di forme: dal reale all'astrazione.

E poi Van Gogh che non cerca nei ritratti la rassomiglianza fotografica ma attraverso il colore e l’energia delle sue pennellate l’espressione dei sentimenti.
E ancora le forme biomorfe di Moore, le figure allungate di Giacometti e le opere specchianti di Pistoletto in cui il visitatore diventa protagonista dell’opera d’arte.
Questo e molto altro è lo spettacolo dell’arte contemporanea, tutto da scoprire alla Gnam.
 
Fabrizia Puca,
Storica dell'arte, arte dei piccoli
 
Laboratorio di avvicinamento all’arte alla Gnam
Vuoi fare esperienza dell’Arte contemporanea sul campo? Scegli il Laboratorio dei Piccoli (bambini tra i 5 e i 10 anni) che si articola in due momenti: ad una fase di racconto e lettura di alcuni dei capolavori della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea (Gnam), si alterna una fase di rielaborazione creativa di quello che vediamo.
Date
Sabato 17 marzo 2018, ore 10.45
Sabato 24 marzo 2018, ore 14.45
Durata
2 ore
Per info e prenotazioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Un hotel a misura in famiglia in Alto Adige? Lo Schneeberg

Schneeberg hotel Vipiteno“Ma questo è un paradiso!”. Il commento di mio figlio, 9 anni, la dice lunga sull’hotel Schneeberg, un Family Resort e Spa a pochi chilometri da Vipiteno, alla fine di una piccola e deliziosa valle altoatesina, la Val Ridanna, dove abbiamo soggiornato a inizio marzo. Che cos’ha di speciale?
L’elenco dei servizi è davvero lungo.
Schneeberg hotel Vipiteno“Ma questo è un paradiso!”. Il commento di mio figlio, 9 anni, la dice lunga sull’hotel Schneeberg, un Family Resort e Spa a pochi chilometri da Vipiteno, alla fine di una piccola e deliziosa valle altoatesina, la Val Ridanna, dove abbiamo soggiornato a inizio marzo. Che cos’ha di speciale?
L’elenco dei servizi è davvero lungo.

Leggi tutto...

Un albergo da sogno per grandi e piccini: il Gardaland Adventure Hotel

Gardaland hotel ingressoÈ una delle novità 2016 di Gardaland e abbiamo avuto la fortuna di visitarlo pochissimi giorni dopo l’apertura. Un giudizio sintetico sul Gardaland Adventure Hotel? Un soggiorno lì è un vero sogno, un tuffo in mondi fantastici che coccolano la mente di adulti e bambini.

Gardaland hotel ingressoÈ una delle novità 2016 di Gardaland e abbiamo avuto la fortuna di visitarlo pochissimi giorni dopo l’apertura. Un giudizio sintetico sul Gardaland Adventure Hotel? Un soggiorno lì è un vero sogno, un tuffo in mondi fantastici che coccolano la mente di adulti e bambini.

Leggi tutto...

Vacanze in famiglia: ecco perché consiglio Bibione

Conoscete Bibione? Si trova nella parte più orientale della provincia di Venezia, a pochi chilometri dal confine col Friuli Venezia Giulia e a circa 50 chilometri da Jesolo. Ma soprattutto ha una spiaggia magnifica: 8 chilometri di sabbia fine. I miei genitori ci andavano in vacanza già 40 anni fa (erano quasi dei pionieri!) e hanno sempre portato noi figli. E adesso che siamo mamme, io e mia sorella continuiamo a trascorrere ogni estate due settimane a Bibione con le nostre famiglie (4 bambini in tutto).

Leggi tutto...

Il Museo delle Statue Stele Lunigianesi

Museo Statute Stele LunigianeseQuanti bei musei abbiamo in Italia! Uno di questi è il Museo delle Statue Stele Lunigianesi. Una piacevolissima sorpresa ospitata nel Castello del Piagnaro a Pontremoli (Ms), nella Toscana del nord. E già: non occorre andare nelle grandi città per trovare esempi validissimi di amore per la cultura e la storia frammisti a moderni allestimenti multimediali, in grado di catturare anche l’attenzione del bambini (il Museo organizza, ovviamente anche visite didattiche per le scuole).

Leggi tutto...

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Cerca nel sito

archivio: qui ci siamo stati

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME