Il lettone per i neonati non deve essere un tabù

BortolottiAlessandra Bortolotti, psicologa perinatale, è l’autrice di I cuccioli non dormono da soli - Il sonno dei bambini oltre i metodi e i pregiudizi (Mondadori), un libro che affronta uno dei temi più sentiti dai neogenitori, partendo dal bisogno di ogni cucciolo (anche di uomo) di calore e vicinanza nel primo periodo di vita. Ecco la presentazione del libro scritta dalla dottoressa Bortolotti per La Rete delle Mamme.

Nella nostra cultura i pregiudizi sul sonno dei più piccoli sono davvero tanti. Si pensa che i bambini debbano addormentarsi e dormire da soli il prima possibile, che dormire vicino ai genitori sia in ogni caso pericoloso e che i loro risvegli notturni siano indice di qualcosa che non va, cioè di un bambino da educare al sonno o di genitori che non sono in grado di farlo.

BortolottiAlessandra Bortolotti, psicologa perinatale, è l’autrice di I cuccioli non dormono da soli - Il sonno dei bambini oltre i metodi e i pregiudizi (Mondadori), un libro che affronta uno dei temi più sentiti dai neogenitori, partendo dal bisogno di ogni cucciolo (anche di uomo) di calore e vicinanza nel primo periodo di vita. Ecco la presentazione del libro scritta dalla dottoressa Bortolotti per La Rete delle Mamme.

Nella nostra cultura i pregiudizi sul sonno dei più piccoli sono davvero tanti. Si pensa che i bambini debbano addormentarsi e dormire da soli il prima possibile, che dormire vicino ai genitori sia in ogni caso pericoloso e che i loro risvegli notturni siano indice di qualcosa che non va, cioè di un bambino da educare al sonno o di genitori che non sono in grado di farlo.

Leggi tutto...

“I figli di genitori gay? Più socievoli e si adattano meglio degli altri”

Dott.ssa Spagnuolo LobbSu unioni civili e stepchild adoption, in questo inizio di 2016, si stanno scontrando pediatri ed esperti: se alcuni ritengono che crescere con due mamme o due papà possa influire negativamente sullo sviluppo psichico e relazionale del bambino, altri affermano che non ci sono prove certe che ciò possa avvenire. Una di questi è la dottoressa Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy. Sostiene l’esperta: «Non ci sono prove certe del fatto che crescere in una famiglia gay possa avere ricadute negative sui processi di sviluppo psichico e relazionale del bambino. Ci sono, invece, ricerche che provano che i bimbi cresciuti in un contesto di omogenitorialità sono sanissimi e forse più socievoli e bene adattati alla società. Dobbiamo sempre riportare ciò che osserviamo al contesto in cui viviamo. Una realtà che presa in se stessa ci sembra assurda (un decennio fa non avremmo mai immaginato che una coppia di omosessuali potesse concepire, anche se con pratiche eterologhe, figli propri), considerata nel contesto cui appartiene può apparirci normale. Oggi è tutta l’antropologia dell'umano che sta cambiando».

Dott.ssa Spagnuolo LobbSu unioni civili e stepchild adoption, in questo inizio di 2016, si stanno scontrando pediatri ed esperti: se alcuni ritengono che crescere con due mamme o due papà possa influire negativamente sullo sviluppo psichico e relazionale del bambino, altri affermano che non ci sono prove certe che ciò possa avvenire. Una di questi è la dottoressa Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy. Sostiene l’esperta: «Non ci sono prove certe del fatto che crescere in una famiglia gay possa avere ricadute negative sui processi di sviluppo psichico e relazionale del bambino. Ci sono, invece, ricerche che provano che i bimbi cresciuti in un contesto di omogenitorialità sono sanissimi e forse più socievoli e bene adattati alla società. Dobbiamo sempre riportare ciò che osserviamo al contesto in cui viviamo. Una realtà che presa in se stessa ci sembra assurda (un decennio fa non avremmo mai immaginato che una coppia di omosessuali potesse concepire, anche se con pratiche eterologhe, figli propri), considerata nel contesto cui appartiene può apparirci normale. Oggi è tutta l’antropologia dell'umano che sta cambiando».

Leggi tutto...

Attacco a Parigi: strategie per superare lo shock e la paura

Margherita Spagnuolo LobbLa dottoressa Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy, era a Parigi il 13 novembre scorso, la notte degli attentati e ha vissuto il terrore di essere al centro di un attacco terroristico. Qui ci spiega come si può tornare alla quotidianità reagendo alla paura e allo shock e come non farsi coinvolgere dalla spirale dell’odio.
«Una delle cause del senso di fragilità che stiamo avvertendo in questi giorni è la mancanza di senso di radicamento nelle relazioni. La paura ci fa sentire senza terreno sotto i piedi. E il terreno più solido che possiamo sentire è quello delle nostre relazioni più importanti: il partner, i figli, gli amici. Non so se possiamo parlare di ritorno alla normalità, ma sicuramente dobbiamo reagire alla paura ancorandoci a ciò che abbiamo, a ciò che dà senso alla nostra vita.

Margherita Spagnuolo LobbLa dottoressa Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy, era a Parigi il 13 novembre scorso, la notte degli attentati e ha vissuto il terrore di essere al centro di un attacco terroristico. Qui ci spiega come si può tornare alla quotidianità reagendo alla paura e allo shock e come non farsi coinvolgere dalla spirale dell’odio.
«Una delle cause del senso di fragilità che stiamo avvertendo in questi giorni è la mancanza di senso di radicamento nelle relazioni. La paura ci fa sentire senza terreno sotto i piedi. E il terreno più solido che possiamo sentire è quello delle nostre relazioni più importanti: il partner, i figli, gli amici. Non so se possiamo parlare di ritorno alla normalità, ma sicuramente dobbiamo reagire alla paura ancorandoci a ciò che abbiamo, a ciò che dà senso alla nostra vita.

Leggi tutto...

“Per affrontare la tragedia dei profughi serve un pensiero materno”, di Cipriana Dall’Orto

Cipriana Dall'Orto, GiornalistaUn tempo i bambini li portava la cicogna. Oggi molti bambini li porta il mare. Li riversa su spiagge straniere e, se per tutti bambini del mondo il destino è ignoto, per questi lo è ancora di più.  Su quelle spiagge potranno rinascere, come fossero partoriti una seconda volta. O potranno morire, come è successo ad Alan, il profughino siriano la cui foto ha fatto il giro del mondo. Alan aveva due anni, o tre, a seconda di quello che scrivono i giornali. La sua età non è certa, mentre è certa la fine della sua piccola vita. La sua mamma e il suo fratellino sono annegati con lui, resta un padre sconfitto.

Cipriana Dall'Orto, GiornalistaUn tempo i bambini li portava la cicogna. Oggi molti bambini li porta il mare. Li riversa su spiagge straniere e, se per tutti bambini del mondo il destino è ignoto, per questi lo è ancora di più.  Su quelle spiagge potranno rinascere, come fossero partoriti una seconda volta. O potranno morire, come è successo ad Alan, il profughino siriano la cui foto ha fatto il giro del mondo. Alan aveva due anni, o tre, a seconda di quello che scrivono i giornali. La sua età non è certa, mentre è certa la fine della sua piccola vita. La sua mamma e il suo fratellino sono annegati con lui, resta un padre sconfitto.

Leggi tutto...

"Coppia dell’acido, perché Martina non può occuparsi di suo figlio"

Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore Gestalt HCC Italy.Sulle sorti del figlio della coppia dell’acido sono molte le polemiche. Martina Levato e Alexander Boettcher, condannati a 14 anni di carcere per l’aggressione con l’acido ai danni di Pietro Barbini, hanno la patria potestà sospesa. La mamma potrà vedere il figlio Achille, affidato momentaneamente al Comune di Milano. Intanto per il piccolo è stata aperta la procedura di adottabilità.
Ma è giusto dare il neonato in adozione? Ci sono altre possibilità? Che cosa implica per Martina vedere il figlio una volta al giorno? Ecco l’analisi di Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy.

Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore Gestalt HCC Italy.Sulle sorti del figlio della coppia dell’acido sono molte le polemiche. Martina Levato e Alexander Boettcher, condannati a 14 anni di carcere per l’aggressione con l’acido ai danni di Pietro Barbini, hanno la patria potestà sospesa. La mamma potrà vedere il figlio Achille, affidato momentaneamente al Comune di Milano. Intanto per il piccolo è stata aperta la procedura di adottabilità.
Ma è giusto dare il neonato in adozione? Ci sono altre possibilità? Che cosa implica per Martina vedere il figlio una volta al giorno? Ecco l’analisi di Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy.

Leggi tutto...

"L’ascolto attivo: come migliorare la comunicazione con i bambini", di Isabella Paglia

Isabella PagliaLe parole che usiamo, il modo con cui le usiamo, sono fondamentali per creare relazioni costruttive e una buona intesa con i bambini e i ragazzi, fondate sul rispetto e non sulla critica. Se desideriamo essere buoni adulti, genitori o educatori, dobbiamo perciò sviluppare un processo di comunicazione adeguato, serio e allo stesso tempo gioioso. La comunicazione positiva con i bambini e i ragazzi è un argomento che dovremmo tutti curare. È buona cosa avere le risorse e gli strumenti giusti per comunicare con loro. Uno di questi strumenti è l’ascolto attivo.

Isabella PagliaLe parole che usiamo, il modo con cui le usiamo, sono fondamentali per creare relazioni costruttive e una buona intesa con i bambini e i ragazzi, fondate sul rispetto e non sulla critica. Se desideriamo essere buoni adulti, genitori o educatori, dobbiamo perciò sviluppare un processo di comunicazione adeguato, serio e allo stesso tempo gioioso. La comunicazione positiva con i bambini e i ragazzi è un argomento che dovremmo tutti curare. È buona cosa avere le risorse e gli strumenti giusti per comunicare con loro. Uno di questi strumenti è l’ascolto attivo.

Leggi tutto...

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

archivio: Blog - l'opinione

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME