vita di coppia e terapiaLivia ci scrive: tra fidanzamento e matrimonio sono 15 anni che sono insieme a mio marito e abbiamo 3 bimbi che sono la nostra vita!  Purtroppo le cose tra noi non vanno più bene da tempo. Ci sono troppi stati d'animo negativi e frustrazioni che si sono accumulate negli anni, poi ci aggiungi lo stress per i figli, quello per il lavoro... Ora lui mi ha chiesto di provare ad andare a fare terapia di coppia per provare a darci un’ultima occasione. Io ho accettato anche se sono un po’ scettica! Vorrei sapere se qualcuno ha avuto esperienza in merito a queste terapie e se sono servite. Grazie

I consigli delle mamme

  • Angela: Secondo me è una cosa buona. Io non ho esperienze personali, ma ogni soluzione per salvare il matrimonio e la famiglia va tentata.
  • Marina: È un percorso lungo e difficoltoso ma che nel bene o nel male darà i suoi frutti. È anche un investimento economico, datevi questa possibilità se, nonostante tutto, avete ancora il desiderio di "salvare" la coppia. Se vi amate provateci!
  • Antonella: Terapia di coppia, se deve essere un estraneo "professionista" a ricordarmi perché ho scelto mio marito, beh a questo punto direi che siamo già lontani. Concedetevi del tempo per voi, ma non dallo psicologo ma per conto vostro, parlatevi con sincerità e siate onesti. Fate una vacanza da soli e vedete se il matrimonio riuscite a salvarlo.

  • Marina: @Antonella, se ci sono queste figure professionali e perché il loro aiuto può essere determinante per salvare il matrimonio e migliorare il rapporto di coppia.
  • Veronica: Infatti, che discorso è? Le situazioni della vita non sono mai bianche o nere. I momenti di difficoltà e di confusione possono esserci, cosa c’è di male nel farsi aiutare? Credo che a volte serva una persona neutrale che ci faccia capire dove si sbaglia. Lo psicologo può far vedere le cose da un punto di vista diverso e far capire gli errori reciproci. Non avere paura a chiedere aiuto.
  • Romina: Se stiamo male fisicamente possiamo farci aiutare da un medico anzi pretendiamo che lo faccia. Perché non dovrebbe essere così anche per la sfera emotiva e psicologica?
  • Rosa: Fatto! A noi ha aiutato tanto. Poi credo che aiuti in ogni caso, sia nel bene sia nel male. Però bisogna essere sinceri altrimenti non serve a niente. Il terapeuta consiglia, poi voi avrete la vostra risposta nel vostro cuore! In bocca al lupo!
  • Giovanna: Sai cos’è anche che ti può riavvicinare tanto a tuo marito, un week end voi due da soli e varie serate voi due da soli. Prendetevi del tempo per stare voi due soli. Dialogate voi due, parlare senza paura e senza freni.
  • Sara: Cos’intendi quando chiedi se la terapia serve? Perché a servire serve, ma non necessariamente solo a salvare la relazione, a volte può anche aiutare a capire che non c’è più niente da condividere, ad accettare serenamente la fine della relazione. Proprio com’è successo a me. Siamo andati dal terapeuta e dopo tanto lavoro, abbiamo capito che la nostra storia era alla fine. In questo modo ci siamo resi conto dei problemi che c’erano e la separazione è stata l’unica strada. Decisione presa per il bene nostro e dei nostri figli. 
  • Carmela: Trovo molto apprezzabile che tuo marito voglia mettersi in gioco così per il bene della coppia e della famiglia.  A prescindere da come andrà, non è da tutti. Quando a mio tempo lo proposi al mio ex, il suo rifiuto fu netto.
  • Nina: Beh come in tutti i campi c’è chi è bravo e chi no. Ma la terapia in sé sono sicura che possa aiutare. E il fatto che tuo marito te lo abbia proposto già significa che tiene a voi. Metteteci impegno.
  • Marta: Secondo me avere un punto di vista esterno può aiutare. Ci deve essere una volontà comune, ma cambiare prospettiva aiuta (magari esistono strade e possibilità che non avete preso in considerazione) e un terapeuta può indicarle.
  • Chiara: Il terapista non vi dà soluzioni, ma vi aiuta a parlarvi e a guardare anche il punto di vista dell'altro. Non è una mancanza vostra cercare un aiuto esterno, anzi è sinonimo d’intelligenza e apertura mentale. Una coppia molto vicina a me, dopo 20 anni insieme e due figli meravigliosi, stava per lasciarsi. Sembrava che fosse tutto finito, lui è anche andato via di casa a un certo punto. Poi hanno deciso di fare terapia di coppia e sono rinati, hanno riscoperto emozioni che pensavano sopite per sempre e sono felici. Io ti consiglio di provarci e di non partire prevenuta, non è un percorso facile, perché richiede molta onestà, e mettersi a nudo con un estraneo non è facile, ma se ancora c'è amore tra voi ne vale la pena.
  • Rita: Lui vi aiuterà a ritrovare la strada per risolvere i problemi, non vi darà la soluzione. Per me è da provare e anche se l'esito sarà negativo, potrai almeno dire di averle provate tutte!  E non avrai nessun rimorso, né rimpianto!
  • Domenica: Ci sono molti pregiudizi sulla terapia. Anzitutto ricorrere alla terapia significa necessariamente che la persona o la coppia il problema lo vuole risolvere, diversamente se ne starebbe (come tanti) a casa sua. Secondo, la terapia non dice "cosa fare". Non sono le istruzioni Ikea per montare un cassettone. La terapia fa molte cose. Prima di tutto aiuta a vedere la situazione e se stessi da punti di vista diversi dai soliti, spesso sboccando meccanismi che si sono ingolfati su se stessi e sulla ripetizione di certi percorsi e reazioni che ci esasperano nonostante tutte le migliori intenzioni.
    Aiuta trovare soluzioni con le proprie risorse e soprattutto aiuta a capire che abbiamo delle risorse e quali siano. A capire i propri limiti e come superarli. A capire che certi problemi non li abbiamo solo noi e che la riflessione che altri hanno maturato ci può aiutare, invece che caricarci della fatica di re-inventare da zero il fuoco, la ruota e l'acqua calda. Ci aiuta a sentirci meno soli di fonte al problema e, non ultimo, ci può informare di certi meccanismi della mente umana, che è utile sapere, ma è lecito e comune non conoscere. Non è detto che si entri in terapia sperando di risolvere un problema nel modo A e non si esca invece capendo che la soluzione è B. Ciò che conta però è che quel B non sarà un risultato subìto passivamente e quindi un lutto da gestire, ma (anche se magari con fatica e dispiacere) una scelta compresa e progettata come parte di noi e del nostro percorso. Questo, credimi, fa una differenza gigantesca, enorme.
  • Marta: Nessun terapista serio ti dice cosa fare, vi mette solo nelle condizioni di vedere e condividere il punto di vista dell’altro per insegnarvi ad affrontare e a superare i vostri problemi. Vi dà gli strumenti diciamo, poi sta a voi lavorarci su. La vita di coppia dopo la nascita figli cambia molto, farsi aiutare può essere utile per salvare il matrimonio.
  • Gaia: Lo psicoterapeuta serve eccome! A volte perpetuiamo dei meccanismi inconsci nelle relazioni che sono molto deleteri e duri da sconfiggere. Non ho mai provato la terapia di coppia, ma sono convinta che sia un percorso che può dare buoni frutti.

  • Anna: Secondo me quello che manca spesso nella coppia è proprio il parlarsi perché ci sono tanti impegni, il lavoro, la casa, la famiglia e i figli. Magari uno vorrebbe dire qualcosa all'altro ma poi non ci riesce proprio per tutti quegli impegni e si rimanda sempre e alla fine non ci si riesce più. Credo che alla fine la cosa più importante sia proprio questa: parlare con il nostro compagno o compagna e se da soli no riusciamo è giustissimo farsi aiutare da un professionista.
  • Sara: L'innamoramento è una cosa passeggera, dopo una coppia si regge sui progetti comuni, ciò che ha costruito, l'attrazione fisica e mentale (o anche solo una di queste cose), il vissuto, i figli e la volontà di stare insieme. Dalle tue parole mi pare queste cose non manchino. Nella richiesta di tuo marito vedo grande maturità e impegno a portare avanti il vostro percorso assieme o quantomeno a chiarirlo per onestà verso l'importante fetta di vita che avete condiviso. Comunque ne usciate, sarà un ulteriore atto d'amore e rispetto l'uno verso l'altro. In bocca al lupo.

La Redazione

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Archivio: Famiglia - vita di coppia

Cerca nel sito

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook