consigli per la casa e giardinoIn commercio si trovano arredi da esterni realizzati in materiali molto diversi, sia come prestazione sia come prezzi. Ecco le caratteristiche, e i trucchi per la manutenzione, categoria per categoria.

- FIBRE SINTETICHE:
ecorattan, polyrattan, all weather, rattan sintetico, tecnopolimeri (per esempio quelli proposti da scab design shop on line). Sono tantissimi i materiali sintetici proposti per gli arredi da esterno. Alcuni sono riciclabili al 100%. Vengono infatti macinati, rigenerati e riutilizzati senza nessuno spreco o danno ecologico.
Il principale pregio degli arredi in fibre sintetiche? Resistono ottimamente ai raggi UV, all’acqua, al cloro, agli sbalzi di temperatura e alla salsedine, perciò sono  pratici e versatili.
In più, sono leggeri e si spostano facilmente da un angolo all’altro del giardino o del terrazzo. Molti mettono d’accordo praticità e design, per la gioia anche dei più esigenti in fatto di estetica.
È bene lavarli ogni 3 settimane passando dell’acqua e poco sapone neutro, usando una spazzola a setole morbide.

- LEGNO :
bellissimo e di grande impatto quando è nuovo, si usura presto se non è trattato con impregnanti specifici. Meglio, quindi, optare per i legni duri, come quelli di eucalipto, acacia e soprattutto il teak
Quest’ultimo è sicuramente il miglior tipo di legno impiegato per l’arredo da giardino. I motivi? A differenza di molti altri non è soggetto alla naturale  deformazione dovuta al passare degli anni, resiste ad ammaccature o graffi in genere, e non teme le infiltrazioni di acqua , una delle cause principali del deterioramento dei mobili da giardino. Non solo, il teak non sviluppa muffe.
Per  evitare che l’originale color miele assuma una tonalità grigio-argentea (peraltro apprezzata dai cultori del vintage), una volta all’anno (a inizio o fine stagione) si devono idratare e nutrire le fibre con cere e oli protettivi da passare con un panno o con il pennello.
Un altro interessante legno per esterni è il rattan, che unisce resistenza ed elasticità. Le sue fibre sono così flessibili da poter essere intrecciate per dar vita a sedute o tavolini di grande appeal. Decisamente più delicato del teak, il rattan rappresenta una scelta ideale per quegli spazi esterni protetti dagli agenti atmosferici, come portici e verande.

- METALLO: 
all’esterno sono molto utilizzati anche i metalli, che risultano resistenti ad agenti atmosferici e a usura nel tempo, grazie agli speciali trattamenti appositi. Tra i più utilizzati:
lega di ferro e carbonio (più resistente rispetto al ferro puro, garantisce resistenza alla corrosione e ai graffi); leghe di alluminio  e acciaio inox  (trattato con processi che bloccano la corrosione); lamiera verniciata; rame  (antiruggine e resistente agli agenti atmosferici, cambia però colore nel tempo; è atossico, riciclabile e facile da mantenere e pulire).
Ogni uno o due mesi è bene pulire gli arredi di metallo usando un detergente neutro non abrasivo.

La Redazione

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Archivio: Casa - consigli vari

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook