il pane di Altamura per bambiniSe non conoscete il pane di Altamura è arrivato il momento di farlo. È un pane pugliese dalla storia antichissima e dal presente luminoso: dal 2003 è un marchio dop, cioè denominazione di origine protetta. Ormai lo si può trovare al supermercato o farselo spedire a casa da produttori locali. È tipico della zona di Altamura (nella città metropolitana di Bari) e la sua particolarità è quella di durare molto tempo, anche un paio di settimane. Nel passato, infatti, veniva utilizzato dai contadini o dai pastori che passavo lunghi periodi lontani da casa, nei campi o nei pascoli, e avevano bisogno di grandi pagnotte che rimanessero buone per molti giorni.
 
Con il pane di Altamura si possono realizzare ricette semplicissime ma molto gustose. Che piaceranno anche ai bambini. Voglio presentarvene alcune. In parte arrivano direttamente da mia suocera pugliese, altre sono una mia rivisitazione di vecchie ricette. Gli ingredienti sono per 4 persone. Buon appetito!
Pane di Altamura per la meranda
 
Acqua sala

Spruzzate d'acqua 4 fette di pane raffermo, dopo averle strofinate leggermente con dell'aglio, poi strizzatele delicatamente, in modo che non perdano né forma né consistenza.
Lavate ed asciugate dei pomodori molto maturi, tagliateli a metà e con ogni metà strofinate delicatamente le fette di pane facendo assorbire il succo del pomodoro.
Strofinando, strofinando dovrà rimanere quasi solo la buccia del pomodoro.
Lavate del basilico (in quantità a piacere), asciugatelo e tritatelo finemente, quindi distribuitelo sulle fette di pane. Polverizzate con dell’origano e salate
Irrorate con olio d'oliva extravergine, possibilmente pugliese, e lasciate riposare per una decina di minuti prima di servire.
 
Zuppa di pane

Preparate una zuppa, mettendo in 1/2 litro di acqua fredda, 5 o 6 pomodorini, un po’ di prezzemolo, mezza cipolla tagliata a fettine, mezza patata tagliata a fettine, qualche foglia di cime di rapa o qualche cimetta di broccoli. Salate e portate a ebollizione. Cuocete per 15 o 20 minuti. Disponete del pane di pane di Altamura raffermo a fette in un piatto fondo per ogni commensale, versatevi sopra le verdure con l’acqua di cottura, condite con olio extravergine di oliva e aggiungete qualche oliva nera. Coprite con un altro piatto e lasciate riposare per qualche minuto prima di servire.

Fetta al forno

Bagnate in circa mezzo litro di latte 300 grammi di pane di Altamura raffermo. Disponetelo in una teglia. Aggiungete 200 grammi di prosciutto cotto o mortadella a cubetti, 50 grammi di parmigiano o di pecorino grattugiato e 200 grammi di mozzarella o scamorza affumicata a cubetti. Sbattete 5 uova con 50 grammi di parmigiano o pecorino grattugiato, un po’ di sale e un pizzico di pepe. Versate le uova sbattute sul pane e infornate il tutto a 220 °C per circa 30 minuti.

Pancotto
 
Spezzettate 400 grammi di pane di Altamura raffermo, preferendo la crosta, e disponetelo in una pentola. Coprite con acqua e aggiungete uno spicchio d’aglio e una foglia di alloro, salate e portate ad ebollizione. Fate cuocere a fuoco lento per circa mezz’ora fino a quando l’acqua sarà evaporata. Eliminate la foglia di alloro e l’aglio. Condite in una zuppiera con olio extra vergine d’oliva e abbondante formaggio pecorino grattugiato. Se volete, potete aggiungere un trito di olive nere o di pomodorini secchi. Lasciate riposare una decina di minuti e dividete nei piatti.
 
La Redazione

ti potrebbe interessare anche...

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Archivio: Bambino - alimentazione

Cerca nel sito

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook