Conoscete Bibione? Si trova nella parte più orientale della provincia di Venezia, a pochi chilometri dal confine col Friuli Venezia Giulia e a circa 50 chilometri da Jesolo. Ma soprattutto ha una spiaggia magnifica: 8 chilometri di sabbia fine. I miei genitori ci andavano in vacanza già 40 anni fa (erano quasi dei pionieri!) e hanno sempre portato noi figli. E adesso che siamo mamme, io e mia sorella continuiamo a trascorrere ogni estate due settimane a Bibione con le nostre famiglie (4 bambini in tutto).

Che cos’ha di bello? I punti di forza sono almeno 10. Eccoli!

1) Una spiaggia pulita e davvero bene attrezzata. Ci si può rilassare (gli ombrelloni non sono uno appiccicato all’altro), ma anche divertire facendo sport: ci sono campi da gioco attrezzati lungo tutto il litorale. La spiaggia è accessibile con le carrozzine, quindi perfetta anche se si hanno neonati (mai avuto problemi ad arrivare con i passeggini fino in riva al mare). È interamente coperta da Wifi grazie alla rete Bibione Wi Fi ed è no smoking, nel senso che è vietato fumare dalla prima fila di ombrelloni al mare.

2) Un mare che dal 1996 a oggi ha conquistato 24 bandiere blu consecutive. L’acqua a riva è bassa e digrada dolcemente. Così noi mamme non abbiamo l’ansia continua da “pericolo annegamento”. Anche se in guardia bisogna sempre stare!

3) Meravigliose pinete, da girare in lungo e largo. Quando i nostri bambini erano molto più piccoli, il giro in pineta sul passeggino per il sonnellino del primo pomeriggio era un appuntamento fisso.

4) Fantastiche strutture ricettive: hotel, campeggi, appartamenti, ma anche bei negozi, locali per la movida (direte “ma quale movida con i bambini!”. È vero, ma non si sa mai!). Gli alberghi sono super attrezzati per le famiglie e molti mettono a disposizione le biciclette per grandi e bambini.

5) Territori incontaminati da visitare per riscoprire la natura più vera. Le attrazioni principali sono le Oasi Naturalistiche: Vallesina, Valgrande e la foce del fiume Tagliamento. Imperdibile il giro in barca della Laguna tra Caorle e Bibione, tra fiumi, canneti e, con un po’ di fortuna (noi l’abbiamo avuta!), cigni e fenicotteri. Un’esperienza fuori dal tempo, davvero indimenticabile per i bambini e anche per noi genitori. Si arriva sino alle antiche dimore dei pescatori: i Casoni.

6) Le terme, che propongono un’ampia zona interna ed esterna con piscine, cascate e idromassaggi in acqua termale curativa. Il tutto è accessibile anche ai più piccoli. Negli eventuali giorni di pioggia le terme sono una valida alternativa alla spiaggia.

7) Strade con piste ciclabili e viali alberati. La pista principale fiancheggia il lungomare e gira ad anello attorno a tutto il paese. Al suo fianco c’è il percorso pedonale. È possibile noleggiare i risciò elettrici.

8) Vengono organizzati tanti eventi, per adulti, ragazzi, bambini, quindi non ci si annoia mai http://9nl.de/BTD1BTD 

9) Offre la possibilità di esplorare un entroterra ricco di storia, cultura e città bellissime come Venezia o Trieste.

10) È una città pet friendly, nel senso che a Bibione gli amici a quattro zampe sono i benvenuti, sia nelle spiagge a loro dedicate (Spiaggia di Pluto), sia nelle numerose strutture ricettive PetFriendly. Inoltre, ci sono servizi speciali per cani, come l’ambulanza, i percorsi di Agility Dog e tanti eventi ad hoc.

Sara

Visita il sito Bibione

Spiaggia
Bibione la spiaggia
cane in spiaggia
Casoni
nightlife
pisteciclabili
Terme
valgrande

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Cerca nel sito

archivio: qui ci siamo stati

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook