Bialetti cuore caffèCelebrato da tutti, il caffè è per molti un rito. Gli italiani, in particolare i napoletani, si ritengono maestri nell’arte del prepararlo e lo consumano in molte varianti: macchiato, corretto, marocchino, ristretto, lungo, in tazza grande o piccola.... Io non sono napoletana e non ho una grande passione per questa bevanda, però quel poco che bevo mi piace che sia veramente buono e gustoso. Quando ho ricevuto l’invito da Bialetti per andare a vedere la macchina del caffè Cuore, mi aspettavo un prodotto particolare, di forte impatto estetico. Ed è proprio così, perché in effetti questa macchina cattura l’attenzione grazie a una forma che si distacca dagli standard per approdare a una brillante sintesi di razionalità, funzionalità e design. Il nome già dice tutto.

L’apparecchio sembra sospeso e le sue linee morbide disegnano un cuore che poggia su un elegante e solido piedistallo in metallo satinato. Mi ha colpito vedere che anche il bottone per fermare l’erogazione, retroilluminato e con funzione Touch, ha la forma di un cuore e pulsa durante l’erogazione del caffè, simulando il battito cardiaco. A questo punto la mia curiosità era capire se al fascino e all’originalità del design corrispondessero caratteristiche tecnologiche e prestazioni di primissimo ordine. E così non ho rifiutato l’invito a provarne a fare e degustarne uno.
 
Intanto vi dico che permette l’utilizzo solo di capsule in alluminio Bialetti o di marchi compatibili, che ha uno sportello di inserimento capsula che, una volta chiuso, attiva l’erogazione del caffè automaticamente e di un sistema di stand-by che si attiva dopo 10 minuti di non utilizzo dell’apparecchio, riducendo al minimo il consumo di energia elettrica. Preparare un caffè è davvero facile e veloce perché la capsula si inserisce molto bene senza alcuna fatica e senza dover forzare nessun meccanismo. Una volta chiuso lo sportellino scorrevole, l’erogazione si avvia automaticamente e basta schiacciare il pulsante touch per fermare la somministrazione.
Questo modello è inoltre dotato anche di un sistema di auto-espulsione che, al termine della preparazione del caffè, rilascia la capsula usata direttamente nel cassettino rimovibile di raccolta. Ho notato però che è da svuotare spesso perché non è molto capiente e può contenere al massimo 5 capsule. Anche la capacità del serbatoio dell’acqua è molto ridotta e quindi c’è da controllarlo sovente. Comunque il risultato è di ottima qualità. Quindi è proprio una macchina bella e funzionale.
 
Simona Bruscagin

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook