Padella Aeternum BialettiGiravo per le strade del mercato quando ho visto una bancarella che vendeva pentole, padelle, piastre e altre cose per la casa. Un cartello grande riportava la frase “cucina sulla pietra, cucina naturale”. Incuriosita, chiedo spiegazioni e l’ambulante decanta le qualità di questo materiale per il rivestimento delle padelle. A dire la verità dovevo cambiare la padella grande rivestita in teflon, visto che aveva dei graffi e, si sa, il teflon graffiato va buttato.

Padella Aeternum BialettiGiravo per le strade del mercato quando ho visto una bancarella che vendeva pentole, padelle, piastre e altre cose per la casa. Un cartello grande riportava la frase “cucina sulla pietra, cucina naturale”. Incuriosita, chiedo spiegazioni e l’ambulante decanta le qualità di questo materiale per il rivestimento delle padelle. A dire la verità dovevo cambiare la padella grande rivestita in teflon, visto che aveva dei graffi e, si sa, il teflon graffiato va buttato.

Compro la padella Aeternum di pietra della Bialetti, da 32 cm (12 pollici) la pago 25 €. Garanzia 3 anni. E’ un po’ più pesante di quella che avevo, ma ha una buona presa dal manico. Seguo le istruzioni riportate sulla confezione per l’utilizzo della prima volta. La padella è pronta, oggi la uso anche come se fosse una piastra.

Prima prova: bistecche di manzo. Non serve far riscaldare la padella (a differenza di come facevo con la piastra) e metto subito la carne, senza olio (a differenza di come facevo con la padella in teflon). Dopo pochi minuti la carne è pronta ed è cotta al punto giusto. Noto subito che impiego meno tempo a cucinarla, quindi risparmio di gas, e senza olio, quindi cucina più sana. Lavo la padella insieme alle altre cose senza problemi, lo sporco della cottura viene via velocemente. Non bisogna usare spugne abrasive. Si può lavare anche in lavastoviglie.

Seconda prova: piselli con seppie. Anche questi vengono cucinati bene senza problemi.

Terza prova: la frittata di zucchine. Seguo la stessa procedura della padella in teflon e la frittata viene cotta bene, anche se su un bordo si è leggermente attaccata, cosa che con l’altra padella non mi succedeva.

Osservazioni:

  • Trovo molto comodo disporre la carne sulla padella a freddo, senza rischiare scottature.
  • La cottura della bistecca spessa richiede tempo e il grasso brucia e si attacca alla padella o alla piastra. Eliminare le parti bruciate, nel caso della padella Aeternum, è facile: basta lasciare la padella qualche ora con l’acqua dentro. E poi con la spugnetta porti via lo sporco e si lava e risciacqua facilmente. Per la piastra in ghisa invece, oltre alle ore di ammollo con l’acqua, bisogna usare la spugnetta in acciaio.

Posso dire che sono molto soddisfatta, questo rivestimento permette di cucina senza olio e con meno grassi per una cucina più leggera e sana.

Adele

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook