Ve lo spiego ioNon so a voi, ma a me capita di avere un libro tra le mani senza sapere il motivo. E di cominciare ad accarezzare la copertina, a sfoglialo, a leggere di qua e di là, a guardare le illustrazioni. Alla fine mi capita di comprarlo, perché ogni cosa mi ha convinto. È successo con "Ve lo spiego io", i primi dodici mesi insieme, di Federica Grittini, pedagogista, e Simona Brunetti, che si definisce "sociologa sulla carta, educatrice "vera sul campo (La memoria del mondo Libreria Editrice, 18 euro, illustrazioni di Valeria Grittini), pubblicato qualche mese fa.

Ve lo spiego ioNon so a voi, ma a me capita di avere un libro tra le mani senza sapere il motivo. E di cominciare ad accarezzare la copertina, a sfoglialo, a leggere di qua e di là, a guardare le illustrazioni. Alla fine mi capita di comprarlo, perché ogni cosa mi ha convinto. È successo con "Ve lo spiego io", i primi dodici mesi insieme, di Federica Grittini, pedagogista, e Simona Brunetti, che si definisce "sociologa sulla carta, educatrice "vera sul campo (La memoria del mondo Libreria Editrice, 18 euro, illustrazioni di Valeria Grittini), pubblicato qualche mese fa.

Vi devo delle spiegazioni. Per esempio vorrete sapere perché questo volume mi abbia colpito. Prima di tutto: avete capito di cosa parla? Ve lo dico: di voi neogenitori di fronte ai vostri neonati. Di quali sono i luoghi comuni dai quali scappare a gambe levate, dei falsi miti che riguardano la maternità, di come essere genitori senza ascoltare troppo mamme-nonne-vicine di casa. Insomma, di che cosa ha realmente bisogno il vostro piccolo che si affaccia al mondo con curiosità e diffidenza.

La prefazione dell'attrice Lella Costa, madre di tre figlie, è semplice e disarmante. Dice: "Questo libro non è un manuale, non è un breviario, non è un testo sacro. È saggezza materna e ironia…". Già. Si può giocare con un esserino così minuscolo? Si deve, ben sapendo che esistono i bisogni e non i vizi. Scrivono le autrici: "Nel primo periodo di vita il neonato sperimenta, per la prima volta, la sensazione di mancanza. A differenza della vita intrauterina, dove l'ambiente autoregolato e autoregolante provvede a garantire benessere e appagamento, ora sente che gli manca qualcosa. Il cambiamento è radicale". Ecco quindi che i genitori, i nonni, le babysitter devono riempire quel cambiamento, il vuoto che il piccolo, sempre a caccia di emozioni e sensazioni, può avvertire. E come farlo se non facendogli recuperare il benessere al quale era abituato prima di nascere? Quando carezze, parole, filastrocche, canzoncine non bastano, chi si occupa di lui non deve innervosirsi. Una mamma sa se il piccolo ha fame, ha sete, ha il pannolino troppo stretto, ha in sole negli occhi. Una panoramica dei suoi bisogni va sempre fatta, senza tuttavia cadere nel ricatto e nel vizio.

Tornando alla curiosità che questo libro mi ha destato, posso dirvi che apprezzo molto la struttura: mese per mese, le autrici suggeriscono ai grandi come comportarsi e rapportarsi con il neonato. Ma, soprattutto, è il tono pacifico e sdrammatizzante delle parole, gli esempi da seguire, quelli da evitare. È bello scoprire come dare benessere e amore al proprio bimbo. Ed è ancora più bello capire quanto benessere e quanto amore si ricevano in cambio. Pensateci.

Piera Cantalini

 

Di Piera Cantalini leggi anche le recensioni di questi altri libri:

Il cervello degli adolescenti

Il regno degli amici

I bambini devono fare da soli. Senza mai sentirsi soli...

Anna Karénina

Ti seguirò fuori dall'acqua

Baciare Fare Dire

I Quaderni Dal silenzio il canto: storie di mutismo selettivo

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Cerca nel sito

Archivio: saggi e manuali

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook