suggerimenti per far manigiare i bambiniSeguire uno stile alimentare corretto è fondamentale per mantenersi in salute ed è una sana consuetudine che è importante adottare sin da bambini, quando l’organismo si sta sviluppando e ha ancor più bisogno di un equilibrato apporto di proteine, zuccheri, grassi, vitamine, minerali e fibre.

Ma come fare a far sperimentare nuovi sapori ai più piccoli e ad abituarli a mangiare quotidianamente frutta e verdura, ricca di nutrienti indispensabili per il loro benessere?  
In occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 20 novembre, Dole e il Dole Nutrition Institute ti svelano 7 trucchi per rendere i bambini dei veri e propri veggie lovers.

  1. I bambini vedono genitori e familiari come modello ed esempio: è importante, quindi, che tu segua per primo delle sane abitudini alimentari. Evita cibi troppo lavorati, grassi e bevande gassate, prediligi ingredienti naturali e non essere monotono nei tuoi acquisti! Vedere la mamma e il papà incline a sperimentare sapori nuovi, renderà i figli curiosi e proattivi.
  2. Inizia dalla spesa: ricorda che questo momento di routine familiare può essere trasformato in un’occasione ludica e formativa! Al banco dell’ortofrutta fai sentire al tuo piccolo i diversi profumi e le diverse consistenze degli alimenti e lasciagli scegliere quali acquistare: susciterai in lui l’aspettativa del pasto e lo farai sentire gratificato.
  3. Un altro trucco efficace sta nella cottura: “Alcuni ragazzi non amano la consistenza di alcune verdure” – spiega Mark Allison, Direttore del Culinary Nutrition presso il Dole Nutrition Institute – “In questi casi può essere utile saltare le verdure in padella per renderle croccanti o aggiungere un filo d’olio d’oliva o una spolverata di Parmigiano. Così ho iniziato a far mangiare ai miei ragazzi i cavolini di Bruxelles! Broccoli e cavolfiori spadellati hanno un sapore meno amaro e la frutta grigliata, come banane e ananas, è più dolce.”
  4. Anche l’occhio vuole la sua parte: un piatto colorato, vivace e bello a vedersi, invoglierà il tuo bambino a mangiare. Ad esempio, taglia frutta e verdura a pezzetti piccoli e crea con essi mix colorati, faccine, forme geometriche o altre sagome (magari aiutandoti con dei taglia biscotti o dei coppa pasta). In questa attività prova anche a coinvolgere i tuoi piccini, rendendola un’esperienza divertente!
  5. Abitua pian piano al sapore dei cibi: durante lo svezzamento è solito somministrare al piccolo mele, pere e banane, omogeneizzate o grattugiate e quindi facili da masticare e deglutire. Secondo i ricercatori del Dole Nutrition Institute anche frutti esotici come avocado o mango sono molto adatti in questa fase: l’importante è introdurre i nuovi alimenti gradualmente, in modo da poter monitorare eventuali reazioni allergiche.
  6. Crea la giusta atmosfera: durante i pasti sarebbe meglio spegnere la TV, posare lo smartphone e godersi un clima disteso e rilassato. In tal modo assaporerete meglio il cibo, vi sazierete il giusto e potrete approfittare del momento in famiglia per parlare e raccontarvi della vostra giornata.
  7. La pazienza è la virtù dei forti: non ti scoraggiare al primo rifiuto del tuo bambino verso un nuovo cibo! Via via che cresce, continua a proporglielo: con il tempo i gusti cambiano e si impara ad accettare e apprezzare nuovi alimenti.

La redazione

il meglio del web

  • Video
  • Barzellette
  • Emozioni

Il papa e l'autista

Dopo aver caricato tutti i bagagli del Papa nella limousine, l’autista nota che Sua Santità sta ancora aspettando sul marciapiede.
“Mi scusi, Vostra Eminenza,” dice l’autista, “Vorrebbe per favore sedersi in modo che possiamo andare?”“Beh, per dirti la verità” risponde il Papa, “Non mi fanno mai guidare in Vaticano e oggi ne ho davvero voglia.” 

Continua a leggere

Leggi tutte le barzellette

La saggezza di un padre

Una sera un papà, vedendo il figlio ventenne un po’ giù di morale, decise di raccontargli una storia:
"Un giorno, quando io ero piccolo, il cavallo di un contadino che abitava vicino alla mia casa, cadde in un pozzo grande e profondo. Il cavallo non riportò alcuna ferita, ma non riuscendo a venir fuori con le proprie forze, si mise a nitrire forte. Il contadino si precipitò subito e provò in ogni modo ad aiutare il suo povero cavallo. 

Continua a leggere

RACCONTACI LA TUA ESPERIENZA

Dubbi sui prodotti omeopatici? Ti rispondono gli esperti

 Inviaci la tua domanda, ti risponderanno medici e farmacisti.

 

 

Archivio: Bambino - alimentazione

Cerca nel sito

L'ABBIAMO LETTO blog

QUI CI SIAMO STATI blog

L'ABBIAMO PROVATO blog

IN CUCINA CON LE MAMME DELLA RETE

L'opinione

LA PAROLA AI PAPA'

STORIE DI MAMME

Facebook